Come vendere le tue opere d’arte

come vendere le tue opere d'arte
come vendere le tue opere d'arte

Se sei qui è perché sei un artista e desideri guadagnarti da vivere con la tua produzione artistica ovvero, vuoi vendere le tue opere d’arte.

Un sogno? No, un obiettivo assolutamente raggiungibile.

In questo post trovi una guida pratica per cominciare a gettare le basi per vendere le tue opere d’arte e raggiungere la tua personale idea di successo come artista.

Ecco quindi 6 cose che puoi iniziare a fare anche subito per vendere le tue opere d’arte.

Parti con il giusto mindset

Partiamo dalle basi, sei un artista. Ora ripetilo con me: sono un artista. Benissimo, smetti di non sentirti abbastanza bravo o all’altezza solo perché ancora non hai venduto, venderai! Quindi ripeti con me : “sono un artista”.

Stupendo! Sei un artista e la tua arte meravigliosa merita di essere vista e apprezzata.

Se già hai superato lo scoglio della consapevolezza potresti trovarti di fronte ad un altro problema: la tua creatività.

Sì, la tua più preziosa risorsa può esserti anche grande nemica.
Infatti, spesso questa creatività può portare l’artista a perdere di vista l’obiettivo o addirittura a non considerarlo.

Il tuo obiettivo è invece vendere la tua arte per poter lavorare come artista a tempo pieno.
O per lo meno se vuoi fare l’artista di professione vendere le tue opere d’arte dovrebbe essere il tuo obiettivo.

Un’altra cosa che spesso mi riferiscono gli artisti è che si sentono insicuri perché sono andati sui social e gli artisti che seguono e reputano essere di successo hanno migliaia di followers e dai loro post, tra mostre, eventi, vernissage e viaggi all’estero, sembra che le loro performance non potranno mai essere eguagliate o superate.

Se anche a te è capitato sicuramente ti sei ritrovato a pensare che se non hai migliaia di followers allora non puoi vendere la tua arte, se non fai almeno 2 personali e non ti invitano agli eventi giusti non puoi definirti un artista.

Stop! Fermati subito stai sbagliando completamente approccio.

Non ti servono migliaia di followers per vendere la tua arte, ti basta un po’ di fiducia in te stesso e il giusto metodo, il giusto mindset.

Quindi respira e continua a leggere 😉

Esponi le tue opere d’arte ogni volta che puoi

Se sei un artista emergente ogni occasione è buona per farti conoscere

Vivi le esposizioni non solo come occasioni per vendere ma anche come opportunità per conoscere persone, professionisti del mondo dell’arte, altri artisti, collezionisti.

Ogni mostra che farai imparerai qualcosa.

Dalle collettive puoi portarti a casa contatti di artisti che stimi e con cui potresti voler collaborare anche artisticamente o fare rete, scambiarti consigli.

Dalle personali ti porti a casa un know how pazzesco in termini di allestimento, curatela, cataloghi ma anche contatti di persone interessate alla tua arte e visibilità.

Ricordati la mostra non è solo un’occasione per vendere le tue opere d’arte ma soprattutto un’occasione per farti conoscere come artista, raccontare la tua visione, spiegare le tue opere d’arte in prima persona e fare innamorare i collezionisti con aneddoti che solo tu conosci e arricchiscono di valore, storia e personalità la tua produzione artistica.

 

Crea il tuo sito web

Non ci sono social, piattaforme o marketplace che tengano. Un’artista deve avere il suo sito in cui mostra e, perché no, vende le sue opere d’arte

Sulle piattaforme di terzi sei in affitto, se per qualsiasi motivo qualcosa va storto perdi tutto il tuo lavoro e il posizionamento creato. Se invece hai il tuo sito web quella è casa tua, con le tue regole.

Sul tuo sito puoi presentarti, raccontare la tua storia, far conoscere le tue opere d’arte e venderle direttamente ai collezionisti tramite una piattaforma e-commerce.

Il consiglio furbo:

Usa social network, marketplace e piattaforme varie per farti conoscere, creare valore intorno alle tue opere e ispirare fiducia nel tuo target di collezionisti. Poi da queste piattaforme manda queste persone sul tuo sito perché possano comprare le tue opere. Questo deve essere uno dei tuoi obiettivi.

 

Vendi arte sulle piattaforme online

Non hai risorse per creare un sito tuo ma vuoi comunque iniziare a vedere le tue opere d’arte? Puoi valutare di appoggiarti ad altre piattaforme alcune sono specifiche per arte e artigianato, altre sono più generaliste ma hanno vantaggi interessanti.

Vendere arte su Amazon

Vendere su Amazon ti dà autorevolezza agli occhi dell’acquirente. Potrai non essere un’artista noto ma Amazon è una garanzia. Tutti conoscono e acquistano su Amazon: c’è tutto, è facile da usare e se qualcosa non ci piace lo restituiamo senza problemi.  Bei vantaggi per i collezionisti che vogliono acquistare la tua arte.

Inoltre, se riesci a entrare nel circuito di prodotti venduti e spediti da Amazon non ti devi neanche preoccupare della spedizione dell’opera d’arte.

Pro: marketplace noto a tutti, facile da usare, non ti devi preoccupare della spedizione.

Contro: trattiene una percentuale, non è un sito specifico per l’arte.

Vendere arte su Etsy

Etsy è un marketplace per artisti e artigiani. Anche qui hai un buon grado di notorietà a livello di piattaforma e puoi posizionarti come artista vendendo le tue opere d’arte direttamente al collezionista.

Su Etsy dovrai essere tu a occuparti in prima persona di spedizioni, eventuali resi ma da un punto di vista artistico è sicuramente più specifica di Amazon.

Pro: piattaforma nota, abbastanza facile da usare, specifica per arte e artigianato.

Controdevi occuparti di tutto tu (spedizioni, resi,…), si trattiene una percentuale.

Vendere arte su eBay

eBay è un’ottima piattaforma di vendita se vuoi fare delle aste d’arte online. Non è specifica per l’arte ma è nata nel settore del collezionismo e spesso al suo interno troviamo aste di arte o antiquariato.

Pro: piattaforma nota, facile da usare, possibilità di pagare con PayPal

Contro: si trattiene una fee, sarai tu a gestire la spedizione, resi, ecc..

Vendere arte su Catawiki

Catawiki è un sito di aste d’arte e collezionismo online. Il fatto che nasca proprio per il mercato dell’arte gli dà autorevolezza. Un po’ più complicato di eBay ma sicuramente da valutare e tenere in considerazione.

Pro: specifica per collezionismo ed arte, nota nel settore collezionismo.

Contro: applica una commissione alla vendita, più complessa da utilizzare.

Il consiglio furbo:

Come vedi tutte le piattaforme terze dove potresti vendere la tua arte si trattengono una percentuale.

Appena puoi valuta di creare il tuo e-commerce per vendere le tue opere d’arte autonomamente.

Creati un posizionamento su Social Network

Che i social network ci permettono di raggiungere un ampio numero di persone con discreta facilità ormai lo sappiamo tutti.
Ci sono social più giovani, dove è più rapida la crescita e social più maturi dove la crescita è più lenta.
Poi ci sono anche social di settore, come Behance che interessa professionalità che hanno bisogno di un portfolio come architetti, designer, artisti, fotografi ecc.

Scegliere i social giusti in cui posizionarti è fondamentale. Infatti non puoi essere ovunque, sarebbe insostenibile e immotivatamente stressante.

Scegliere il social o i social network su cui posizionarti come artista è strategico per tutta la tua strategia di vendita tanto online , quanto offline.

Come fare a scegliere il social giusto?

La prima domanda da farti è: a chi voglio vedere le mie opere d’arte? Lo so cosa stai pensando ma no, tutti non è un’opzione valida!

Concentrati, pensa a cosa vuoi trasmettere con la tua arte e che tipologia di persona potrebbe apprezzarla. È un giovane adulto? È in gallerista o un privato? Eccetera.
A questo punto studia i diversi canali social che hai a disposizione e cerca di capire che persone li frequentano poi concentra i tuoi sforzi solo su quello dove effettivamente c’è il tuo target.

Il consiglio furbo:
Ricordati, sei un’artista non un influencer. Il tuo obiettivo deve essere sfruttare i social per far conoscere la tua arte e venderla, non diventare schiavo di algoritmi e piattaforme a caccia di like e visibility coins. Questo ti allontanerebbe solo dal tuo obiettivo, causandoti ansia e frustrazione.


Quindi, parti così. Se identifichi 2 o più social network per posizionarti come artista, all’inizio scegli di lavorare su uno e sii costante e consistente. Sono costanza e qualità a fare la differenza, non la quantità.
Solo in un secondo momento, una volta che ci avrai preso la mano e trovato il tuo equilibrio, potrai lavorare serenamente e valutare se ti può essere utile e sostenibile posizionarti come artista anche in altri social network.

Parla alle persone della tua arte

Racconta alle persone come sei diventato un artista e perché, cosa ti muove nel profondo.
Racconta loro la genesi, il processo creativo. Crea per loro una storia attorno alle tue opere d’arte.

Racconta una storia che possano immaginare, che li coinvolga, che li faccia innamorare e desiderare avere a casa la tua arte.
Non è tanto l’estetica quanto il racconto.

Ricordati sempre: non acquistiamo cose ma emozioni, esperienze, status symbol. Acquistiamo l’idea di un prodotto.

Ti faccio un esempio:
Se avessimo bisogno di uno smartphone nuovo e il nostro obiettivo fosse solo telefonare, fare foto, usare internet e installare qualche app (ovvero l’uso normale che ne facciamo quasi tutti) potremmo in realtà acquistare qualsiasi smartphone sui 200€ con memoria espandibile.

Eppure la maggior parte delle persone acquista l’iPhone o smartphone da 600€/700€ con prestazioni che tornano effettivamente utili solo a chi ci lavora quotidianamente. Perché?

Perché quando acquistiamo un iPhone acquistiamo un’idea, uno status symbol, entriamo a far parte di un gruppo sociale specifico con caratteristiche di un certo tipo che a noi piacciono e in cui desideriamo essere collocati.

Lo stesso vale per qualsiasi oggetto decidiamo di comprare e ancora di più per l’arte.

Una parte importante della decisione d’acquisto dipende proprio dalle emozioni che l’oggetto, in questo caso l’opera d’arte, sa suscitare in noi. Saperla raccontare e saper raccontarsi è la chiave per emozionare.

Stai cercando una miniguida strategica per iniziare a vendere le tue opere d’arte online? Leggi anche Guida: Come Iniziare a Vendere la Tua Arte Online

Linki Utili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *