La Brand Reputation è Omnidriven

Brand Reputation Omnidriven
Brand Reputation Omnidriven

Oggi la Brand Reputation è Omnidriven, ovvero, il portafoglio di fattori di reputazione di un’azienda non dipende più solo alcuni fattori selezionati. Tutto conta oggi, dalla qualità dei dipendenti, alla qualità dei prodotti, alla performance finanziaria, alla cultura aziendale, alla comunità. 

In un ambiente in cui i leader aziendali sono colti alla sprovvista da pericoli che apparentemente giacciono in bella vista, le aziende devono assicurarsi che siano iperallertati rispetto a tutti i fattori di rischio, per costruire e salvaguardare la reputazione aziendale. 

Questo è quanto emerge dalla ricerca The State Of Corporate Reputation in 2020: Everything Matters Now condotto da KRC in partnership con migliaia di dirigenti appartenenti a 22 mercati in tutto il mondo.

Lo studio esamina cosa guida la reputazione, perché è importante avere una buona Brand Reputation e i vantaggi che derivano da essa.

Un risultato chiave della ricerca è proprio il concetto che il successo della reputazione aziendale non dipende più da pochi fattori selezionati ma, al contrario, la reputazione di un’azienda è influenzata in modo simile da una moltitudine di fattori.

Quando viene chiesto di valutare quanto 23 diversi elementi contribuiscono alla reputazione su una scala da 1 a 10 (dove 10 significa “contribuisce molto”, i dirigenti hanno assegnato punteggi alti (8-10) a ciascuno.

La qualità dei prodotti o dei servizi e la qualità dei dipendenti sono in cima alla lista, ma le voci che seguono hanno uno scarto di pochissimi punti percentuali risultando di alto rilievo.

Questa mancanza di distinzione suggerisce che le aziende non possono più dare priorità e concentrarsi esclusivamente su alcuni driver di reputazione.

I 23 fattori che guidano la reputazione aziendale

Le maggiori crisi reputazionali sono autoinflitte e derivano da errori interni. Tra i dirigenti globali che riferiscono crisi reputazionali negli ultimi 2/3 anni il 76% afferma che la crisi era prevenibile. 

Forse è proprio per questa ragione che i dirigenti risultano iperallertati su tutti i driver reputazionali indicati nella ricerca.

Di seguito si elencano i 23 fattori che guidano la reputazione aziendale nel 2020.

FATTORI CHE CONTRUBUISCONO ALLA REPUTAZIONE AZIENDALE
Qualità dei prodotti o servizi 63%
Qualità dei dipendenti 63%
Qualità del servizio clienti 61%
Sicurezza di prodotti o servizi 60%
Rispetto per i clienti o privacy dei dipendenti 60%
Innovazione di Prodotto o servizi 59%
Leadership di settore 59%
Performance finanziarie 59%
Valore per il costo o prezzo di prodotti o servizi

Valore per il costo o prezzo di prodotti o servizi 58 Valore per il costo o prezzo di prodotti o servizi 58

58%
Inclusività e valori 58%
Avanzamento tecnologico 57%
Cultura aziendale 57%
Mission aziendale 57%
Qualità del CEO o del titolare 56%
Formazione e supporto per i dipendenti 56%
Marketing e comunicazione 55%
Qualità della leadership oltre al CEO e titolare 55%
Diversità e inclusione sul posto di lavoro 54%
Relazioni con la community 54%
Governance 53%
Responsabilità ambientale 51%
Presenza globale 50%
Filantropia e charity support 48%

Marketing e Comunicazione come Driver di Reputazione

Valori aziendali e comunicazione esterna sono i top driver di reputazione aziendale all’interno del fattore comunicazione.

GLI 8 FATTORI DI MARKETING E COMUNICAZIONE CHE CONTRIBUISCONO ALLA WEB REPUTATION
Come l'azienda risponde e gestisce crisi e problemi 58%
Capacità dell'azienda di comunicare e trasmettere mission, vision e valori 58%
Comunicazione aziendale verso il pubblico 57%
Comunicazione aziendale verso i dipendenti 56%
Premi vinti dall'azienda e ranking nelle liste "Best Of" 54%
Comunicazione dell'azienda sui social media e relative interazioni 53%
Partecipazione dei leader aziendali a speach, eventi di settore, conferenze 51%
Presenza dei leader aziendali sul sito internet aziendale o social media 51%